Vellutata verde fantasia

Questa ricetta, come tante altre, potrebbe rientrare nelle “ricette degli avanzi” che tanto piacciono a me…guardare cosa c’è nel frigo e mettere tutto insieme. Devo dire che è venuta buona 🙂 Ho utilizzato dei funghi e dei carciofini surgelati e gli asparagi comprati qualche giorno fa.
Vellutata verde fantasia
6/7 asparagi
Qualche foglia di sedano
1 patata
Carciofini surgelati
Funghi surgelati
Pprezzemolo, basilico, salvia
1 tazza di brodo
Pepe
1 pezzetto di formaggio cremoso
Lavate gli asparagi ed il sedano, pelate la patata e tagliatela a tocchetti. Tagliate anche il sedano e gli asparagi (dopo aver eliminato la parte più dura del gambo). In una casseruola riunite le verdure fresche, aggiungete quelle surgelate, versate il brodo e fate cuocere con il coperchio per circa 15 minuti. A metà cottura aggiungete gli odori ed il pepe e togliete il coperchio. Se a fine cottura ci fosse troppo liquido, filtrate le verdure e poi passatele al mixer. Aggiungete un pezzetto di formaggio cremoso, mescolate bene e servite.

Crema di funghi

Non metterò la foto di questa ricetta perché non rende assolutamente giustizia alla sua bontà..

10 funghi champignon
1 pezzo di porro
1 carota (io ne ho messe 2 piccole)
1 gambo di sedano
2 bicchieri di brodo
Sale e pepe
Prezzemolo
1 pezzetto di formaggio morbido (in questo caso ho messo 1 cucchiaio di ricotta)

Olio EVO
Lavate, pulite i funghi e tagliateli a fettine. Lavate il porro e tritatelo grossolanamente. Togliete la parte esterna della carota e tagliatela a tocchetti. Lavate il sedano e tagliatelo a tocchetti.
Scaldate il brodo. Scaldate 2 cucchiai di olio EVO in una casseruola dai bordi un po’ alti e lasciate soffriggere il porro; unite il sedano, la carota e i funghi. Fate tostare 2-3 minuti e versate 1 bicchiere di brodo. Salate, pepate e aggiungete del prezzemolo. Quando il brodo inizia ad asciugare, versate il rimanente. 
Dobbiamo lasciare cuocere in totale circa 20 minuti, per far ammorbidire la carota ed il sedano e far assorbire il brodo. In base alla quantità di ingredienti usati, quindi, regolatevi sul secondo bicchiere di brodo, potrebbe non essere necessario tutto. A cottura ultimata il brodo deve essere quasi completamente assorbito; eventualmente filtrare il tutto per togliere il liquido in eccesso. Mettete tutto nel mixer ed iniziate a frullare. Aggiungete il formaggio morbido e frullate. Servite calda con crostini. 
E’ eccezionale!!

Vellutata di piselli

Ho scoperto le vellutate da poco…lo scorso inverno mi era capitato di acquistare una busta pronta al supermercato e mi era piaciuta molto, così la vellutata era entrata nei piatti da esplorare nel week end con Marco, il mio compagno: di carciofi, asparagi, funghi, zucca, piselli…di questa e quella marca..
Fino a che abbiamo deciso di risparmiare soldi e packaging facendole in casa, dato che è semplicissimo!
Dato il mio buon vizio di metterci un pò di tutto, è difficile dire esattamente di cosa sia la vellutata, diciamo che il nome lo prende dall’ingrediente principale 🙂
Vellutata di piselli
1 patata grossa (o 2 piccole)
1 carota
1 pezzetto di sedano
1 pezzetto di porro o cipolla
1 scodella di piselli (in questo caso sono surgelati)
1 dado
Pepe
1 filo d’olio EVO
Acqua
1 pezzetto di formaggio morbido (philadelphia, robiola, crescenza, caprino, brie…)
Sbucciate la patata e la carota, tagliatele a pezzetti non troppo piccoli (tanto saranno frullate), lavate 1 gambo di sedano, tagliatelo e pezzi, lavate e tagliate anche il porro  (o la cipolla). Mettete tutto in una casseruola. Aggiungete l’acqua fino a coprire leggermente le verdure; l’acqua dovrà asciugarsi quasi completamente, quindi consiglio di metterne poca, facendone scaldare da parte un pò per l’evenienza.
Se, invece, a fine cottura l’acqua fosse troppa, potrete filtrare leggermente le verdure.
Accendete il fuoco, aggiungete un dado e coprite con un coperchio. Lasciate cuocere per 15 minuti. Dopo 10 minuti, aggiungete i piselli, assaggiate e controllate il livello dell’acqua, eventualmente aggiungete del sale e del pepe.
A cottura ultimata dovete passare tutto in un frullatore o mixer; togliete quindi le verdure dall’acqua di cottura, lasciando solo pochissimo liquido, ed iniziate a frullare. Se il composto risultasse troppo denso, aggiungete altro liquido. Unite un filo d’olio e – se volete – un pezzetto di formaggio morbido, che rende la vellutata più cremosa. Servite calda.

La zuppa di cereali e legumi

Io non sono un’amante della carne, prediligo le carni bianche (pollo e tacchino) ma cucinate solo in alcuni modi. (ma prometto di sperimentare altre ricette a base di altri tipi di carne).

Oggi vi propongo un’ alternativa vegetariana, ottima per le diete disintossicanti perchè ricca di vitamine, proteine e fibre: la zuppa di cereali e legumi. E’ un vero toccasana, dopo le abbuffate o quando si inizia una dieta. Insomma, ogni tanto ci vuole!

Zuppa di cereali e legumi

Misto cereali e legumi secchi 50 gr per persona
Acqua
Sale
Cipolla, sedano, carota per soffritto
Olio EVO
Spezie varie

Versate il misto secco in un recipiente con abbondante acqua e lasciate in ammollo per 12 ore, in questo modo il contenuto potrà reidratarsi e raddoppiare il suo volume. Scolate il tutto, mantenendo l’acqua che verserete in una pentola a scaldare. Se preferite, potete aggiungere un pezzetto di dado all’acqua, per formare il brodo.
Preparare un trito di cipolla, sedano, carota, mettere una casseruola dai bordi alti sul fuoco, aggiungere un pò d’olio e quando sarà caldo versare il trito. Lasciare un paio di minuti, poi versare il misto legumi e fate tostare. Versate l’acqua (o il brodo) calda e coprite con un coperchio.
La zuppa deve cuocere 60/70 minuti. Tenete da parte altra acqua calda, in caso la zuppa si asciugasse troppo. Verso fine cottura aggiungere il sale (se avete unito il brodo, assaggiate prima di aggiungerlo) e le spezie che preferite: curry, paprika, timo, salvia, rosmarino, pepe…
Consiglio di togliere il coperchio negli ultimi minuti di cottura, in modo da far asciugare un pò il liquido, per ottenere una zuppa più cremosa. Impiattare aggiungendo un filo d’olio EVO ed eventualmente del parmigiano.