Straccetti di pollo in salsa

Dato che il trasloco è imminente e nella mia sistemazione provvisoria non avrò cucina né frigo, sto cercando di svuotarlo il più possibile. Quindi ho provato questa ricetta con una salsa-caponata..

3 fette di pollo
1 cipolla
1 peperone
1 zucchino
1 manciata di piselli
3 cucchiai di salsa di pomodoro
Prezzemolo
1 bicchiere di brodo
Pepe
Olio EVO

Lavate la cipolla, lo zucchino e il peperone, tagliate lo zucchino a rondelle, la cipolla ed il peperone a listarelle.
In un’ampia padella antiaderente fate scaldare un filo di olio EVO e fate soffriggere la cipolla per un paio di minuti, poi unite il peperone. Aggiungete un po’ di brodo e coprite con un coperchio, fate cuocere per 5 minuti. Unite piselli e zucchine e il brodo restante. Cuocete per altri 10 minuti, togliendo il coperchio eventualmente per far assorbire meglio il brodo. Unite la salsa, il prezzemolo ed il pepe. Trasferite nel mixer, aggiungete un filo d’olio e frullate. Nel frattempo tagliate a striscioline il pollo e mettetelo nella padella antiaderente usata per le verdure, fate scottare a fiamma viva un minuto per parte, poi abbassate la fiamma ed unite la salsa. Fate cuocere per 10 minuti. Servite il pollo in un piatto fondo o una ciotola, adagiato sul letto di salsa.

Pollo al curry con riso basmati

Oggi vi propongo un classico: il pollo al curry. Ci sono mille modi per prepararlo e io stessa ne ho provati almeno 4 (e credo di non aver trovato ancora la mia preferita), io  – al solito – vi presento un’alternativa veloce.
E allora via!
La composizione era impresentabile perché le risorse sono sempre più limitate, ma vi assicuro che è buono.
Pollo al curry con riso basmati
Bocconcini di pollo
2 cucchiai di farina 
1/2 bicchiere abbondante di latte
1/2 cipolla
1/2 bicchiere di pisellini
1 cucchiaio di curry
Prezzemolo e menta tritati
1/2 bicchiere di riso basmati
Sale
2 cucchiai di olio EVO
Vi rimando qui per la preparazione del riso basmati.
Riunite in una ciotola la farina, il curry ed il sale e versate il latte poco alla volta, mescolando bene per evitare che si formino grumi.
In una padella scaldate l’olio e fate soffriggere leggermente la cipolla tritata precedentemente. Versate i pisellini, mescolate e lasciate un paio di minuti. Unite il pollo, cuocendolo un minuto per lato a fiamma moderata. Abbassate la fiamma e versate il latte con il curry e la farina; mescolate bene e lasciate cuocere finché la crema non si addensa. E’ importante continuare a mescolare a fiamma bassa per evitare che si formino grumi. Versate in un piatto ed accompagnate con il riso basmati. Spolverizzate con prezzemolo e menta tritati.

Involtini di trota salmonata con salsa ai piselli

Questa ricetta è buonissima! In realtà avrei voluto fare una salsa alla menta ma non sono riuscita a ritrovare la menta nel mio orto! Quindi, per evitare di fare una salsa con delle foglie di qualche pianta strana, ho optato per salvia e piselli:
1 filetto di trota salmonata
Aceto balsamico
Succo e buccia di 1 limone
Succo e buccia di 1 Arancio
Sale e pepe verde
Mandorle tritate
1/4 di bicchiere di vino bianco secco

Per il ripieno
1/2 spicchio d’aglio
Prezzemolo, timo, rosmarino
7/8 pomodorini pachino
1 fetta di pancarrè
Pangrattato
Per la salsa
1 pezzetto di porro
25 gr. di piselli
Salvia (una decina di foglie)
Sale e pepe
Brodo qb
Pulite il filetto di trota, prestando attenzione alle eventuali spine rimaste. Grattugiate la buccia di 1 limone ed 1 arancia e spremetene il succo. Con un bicchiere battere leggermente per assottigliare il pesce, tagliare in 2/3 pezzi, in base alla grandezza, e lasciar marinare per 15/20 minuti con il succo del limone, dell’arancia e 2 cucchiai di aceto balsamico. Aggiungete del pepe verde.
Lavate il timo, il rosmarino, la salvia ed il prezzemolo. Tritate il rosmarino, il prezzemolo, il timo e 1/2 spicchio d’aglio. Tagliate i pomodorini a pezzettini piccoli ed uniteli al trito. Imbevete 1 fetta di pancarrè nell’acqua (o nel latte), strizzatela bene ed aggiungetela al composto. Mescolate tutto ed aggiustate di sale e pepe, eventualmente unite del pangrattato.
Togliete la trota dal liquido e strizzatela leggermente. Mettete un po’ di composto all’interno e chiudete con uno spago da cucina. Tritate qualche mandorla ed unitela alla buccia degli agrumi grattugiata; aggiungete 2 cucchiai di pangrattato. Passate gli involtini nel mix di pangrattato e mandorle e adagiateli in una pirofila da forno,. Versate 1/4 di bicchiere di vino bianco secco e fate cuocere a 180° per 20 minuti, girando a metà cottura.
Tagliate del porro e mettetelo in un padella antiaderente con un cucchiaio di olio. Versate i piselli e fate cuocere 5 minuti, aggiustando di sale e pepe.
Versate i piselli nel mixer, insieme alla salvia ed iniziate a frullare. Aggiungete poco brodo, fino ad ottenere una salsa abbastanza liquida. Mantenete al caldo.
Versate la salsa in un piatto da portata e disponetevi sopra gli involtini.
 

Vellutata di piselli

Ho scoperto le vellutate da poco…lo scorso inverno mi era capitato di acquistare una busta pronta al supermercato e mi era piaciuta molto, così la vellutata era entrata nei piatti da esplorare nel week end con Marco, il mio compagno: di carciofi, asparagi, funghi, zucca, piselli…di questa e quella marca..
Fino a che abbiamo deciso di risparmiare soldi e packaging facendole in casa, dato che è semplicissimo!
Dato il mio buon vizio di metterci un pò di tutto, è difficile dire esattamente di cosa sia la vellutata, diciamo che il nome lo prende dall’ingrediente principale 🙂
Vellutata di piselli
1 patata grossa (o 2 piccole)
1 carota
1 pezzetto di sedano
1 pezzetto di porro o cipolla
1 scodella di piselli (in questo caso sono surgelati)
1 dado
Pepe
1 filo d’olio EVO
Acqua
1 pezzetto di formaggio morbido (philadelphia, robiola, crescenza, caprino, brie…)
Sbucciate la patata e la carota, tagliatele a pezzetti non troppo piccoli (tanto saranno frullate), lavate 1 gambo di sedano, tagliatelo e pezzi, lavate e tagliate anche il porro  (o la cipolla). Mettete tutto in una casseruola. Aggiungete l’acqua fino a coprire leggermente le verdure; l’acqua dovrà asciugarsi quasi completamente, quindi consiglio di metterne poca, facendone scaldare da parte un pò per l’evenienza.
Se, invece, a fine cottura l’acqua fosse troppa, potrete filtrare leggermente le verdure.
Accendete il fuoco, aggiungete un dado e coprite con un coperchio. Lasciate cuocere per 15 minuti. Dopo 10 minuti, aggiungete i piselli, assaggiate e controllate il livello dell’acqua, eventualmente aggiungete del sale e del pepe.
A cottura ultimata dovete passare tutto in un frullatore o mixer; togliete quindi le verdure dall’acqua di cottura, lasciando solo pochissimo liquido, ed iniziate a frullare. Se il composto risultasse troppo denso, aggiungete altro liquido. Unite un filo d’olio e – se volete – un pezzetto di formaggio morbido, che rende la vellutata più cremosa. Servite calda.

Riso basmati con verdure saltate e gamberetti

70 gr riso basmati
1 pezzetto di porro
Piselli
Gamberetti
Pomodorini
Peperone
Succo di limone
Curry
Sale
Pepe
Olio EVO

Per la preparazione del riso basmati rimando a questo sito, dove è spiegato benissimo il procedimento da seguire per una buona riuscita. Io solitamente metto un colino a rete fine su una ciotola, verso il riso nel colino e faccio correre l’acqua finchè non copre il riso. Mescolo bene con le mani, alzo il colino e verso l’acqua (non la butto, la verso in una bacinella che poi utilizzerò per lavare i piatti). Ripeto l’operazione tre volte. Poi, la quarta volta, lascio il riso a bagno per mezz’ora. Cucino poi seguendo il metodo classico indicato nel sito.

Nel frattempo prendo una wok, accendo la fiamma e la faccio scaldare, verso un filo d’olio e dopo un attimo il trito di porro, lascio soffriggere un paio di minuti e aggiungo i gamberetti (io li uso surgelati). Se preferite a questo punto potete aggiungere un goccio di vino bianco. Taglio i pomodorini (se non vi piace la buccia potete scottarli prima un attimo in acqua bollente, io avevo fretta) e il peperone a pezzetti piccoli e faccio saltare insieme ai gamberetti. A metà cottura aggiungo i pisellini. Cospargo son sale, pepe, curry e un pò di succo di limone. Il riso basmati è molto profumato e delicato, per cui molti preferiscono non coprire questo sapore; in questo caso potete sostituire il curry con del cardamomo.