Insalata fresca al pompelmo rosa, finocchio e salmone

Io non amo i pompelmi, troppo amari, eppure il pompelmo rosa mi incuriosisce, credo sia perchè è rosa e non l’associo a qualcosa di amaro. Così, quando mi sono trovata davanti degli enormi pompelmi rosa ho deciso di provare e l’ho abbinato a qualcosa “tono su tono”: il salmone affumicato.
3 spicchi di pompelmo rosa
1/2 finocchio
Qualche gambo di sedano
Foglie di menta tritate
Ritagli di salmone affumicato
Aceto balsamico
Olio EVO
La preparazione è ovviamente semplicissima. spelato il pompelmo e prendetene qualche spicchio, toglietene la buccia e tagliateli a tocchetti. Lavate il finocchio ed il sedano e tagliateli a striscioline. Lavate la menta e tritatela finemente. Tagliate il salmone a strisce. Unite il tutto in un bel piatto, aggiungete 1 goccio di aceto balsamico ed un filo d’olio. Io non ho utilizzato il sale perchè il salmone è già abbastanza salato.
Se vi piace il pompelmo potete aggiungere del succo alla vostra insalata.
Un piatto fresco e decisamente estivo!

Involtini di salmone

Senza la cucina è davvero difficile pubblicare nuove ricette, anche perché mi mancano anche tanti altri attrezzi che sono finiti chissà in quale scatolone…
Comunque, vi propongo ugualmente una ricettina facile facile e gustosa di un finger food direi.


Involtini di salmone

2 fette di salmone affumicato
60 gr di formaggio morbido
(robiola, caprino o philadelphia, in base ai gusti)
10 mandorle
5/6 foglie di menta

 

Tritate le mandorle e le foglie di menta. In una ciotola ammorbidite il formaggio ed unite le mandorle e le foglie di menta. Tagliate le fette di salmone a strisce abbastanza larghe, spalmate il composto e arrotolate.

Insalata di carciofi

Dato che in questi giorni il piatto che va per la maggiore sono le insalate veloci, oggi vi propongo questa versione, in cui ho riciclato (addirittura) le verdure del pinzimonio in una insalata.
1 carciofo
1 finocchio
1/2 peperone
Scaglie di grana
Prezzemolo
Menta
Basilico
Noci
Sale e Olio EVO
Vinaigrette 
Succo di limone
Tagliate la punta del carciofo, in modo da eliminarne le spine, togliete le foglie esterne più dure ed asportatene il gambo. Tagliatelo a metà ed asportate anche la parte più interna filamentosa. Tagliate il carciofo a fettine sottili in una ciotola e spruzzatelo con del succo di limone. Lavate e tagliate il  finocchio, tagliatelo a pezzettini a piacere. Tagliate a listarelle anche il mezzo peperone. Tritate grossolanamente le noci, il prezzemolo, il basilico e la menta. In una piccola ciotola mescolate 2 cucchiai di olio, 1 cucchiaino di aceto balsamico ed un pizzico di sale. Unite il trito di odori e noci. Riunite le verdure in un piatto, versate sopra il condimento e mescolate bene. Se volete aggiungete qualche scaglia di grana.

Tortino agli asparagi

Questa ricetta l’ho provata per utilizzare i gambi degli asparagi, troppo duri per il risotto presentato ieri.
Avevo fatto bollire gil asparagi ed avevo separato la parte verde dal gambo più duro. Ho decido di riprovare l’abbinamento asparagi e zenzero perchè mi è piaciuto molto ed ho aggiunto altri ingredienti “svuota-frigo”.


Gambi di 1 mazzo di asparagi
1 zucchino
1/2 bicchiere di piselli
2 patate piccole
2 uova
Abbondante pangrattato e parmigiano
Sale e pepe
Zenzero a piacere

Sbucciate le patate, tagliatele a pezzetti piccoli. Lavate lo zucchino e tagliatelo in 4 pezzi. Mettete le patate a sbollentare in una pentola per 15 minuti, dopo 10 minuti aggiungete gli zucchini e a seguire i piselli. (Io ho utilizzato la stessa acqua in cui avevo fatto bollire gli asparagi).

Scolate bene le verdure e passatele al mixer. In una ciotola capiente sbattete due uova con un pizzico di sale, unite il composto frullato ed aggiungete abbondante pangrattato. Aggiungete lo zenzero, il pepe, il sale ed il parmigiano fino ad ottenere una consistenza abbastanza solida. Ungete leggermente una teglia e versatevi sopra il composto. Livellate e cospargete con altro pangrattato.
Infornate a 180° per 15 minuti ed un paio di minuti sotto al grill.

Risotto con asparagi e zenzero

Una ricetta molto gustosa, purtroppo la foto non le rende giustizia, ma volevo comunque inserire uno scatto perchè su questo blog mancano  immagini da qualche post e quindi, voglio rimediare.

Questa volta le dosi sono per tre/quattro persone

250 gr. di riso Arborio
1 mazzo di asparagi 
1 l. di brodo vegetale
1 manciata di prezzemolo
4 cucchiai di zenzero in polvere
Olio EVO
25 gr. di burro
50 gr. di Philadelphia
1 manciata di parmigiano
1 cipolla medio-piccola
1/2 bicchiere di vino bianco secco
Pepe

Lavate gli asparagi, tagliate la parte verde, tenete da parte il gambo per un’altra ricetta. Fateli bollire per 10 minuti, provate a punzecchiarli per accertare che siano morbidi. Scolateli e tagliateli a rondelline. Vi ricordo di conservare l’acqua per innaffiare le vostre piante, una volta che si sarà raffreddata. 
Fate scaldare il brodo, tritatae la cipolla e fate scaldare in un tegame un filo d’olio e il burro. Aggiungete la cipolla e fate soffriggere un paio di minuti. Unite il riso e fate tostare bene. Aggiungete il vino, alzate leggermente la fiamma fino al completo assorbimento. Continuate la cottura unendo il brodo, un mestolo alla volta. A metà cottura aggiungete gli asparagi, il prezzemolo ed abbondante zenzero. Continuate a mescolare assaggiando il riso di tanto in tanto. A fine cottura, quando il brodo si sarà ben assorbito, spegnete la fiamma e mantecate con Philadelphia e parmigiano.

Rotolini di zucchine con salmone

Questo piatto io lo mangio d’estate, quando ho voglia di qualcosa di fresco e sfizioso, con varie alternative.

1 zucchino
50 gr. crescenza
Qualche foglia di menta e finocchietto
1 fetta di salmone affumicato

Lavate lo zucchino e tagliatelo a fettine lunghe e sottili (per questa operazione io ho utilizzato un pelapatate), grigliatele sulla piastra. Tritate la menta e il finocchietto e mescolatelo alla crescenza. Fate raffreddare leggermente le fettine, disponetevi sopra uno strato di crescenza ed una strisciolina di salmone. Arrotolate e mangiate! Si, di solite non arrivano mai tutte al piatto 😉

Sushi multietnico

Ecco qui la ricetta del mio sushi multietnico, fatto con salmone norvegese, verza italiana, riso basmati e imitazione della ricetta giapponese. 😉
3 foglie di verza
1 pugno di riso basmati
Finocchietto, menta e zenzero
1 fetta di salmone
Sale

Mettete a scaldare dell’acqua in una pentola. Staccate le foglie di verza facendo attenzione a non romperle, lavatele e, quando l’acqua bolle, mettetele nella pentola, salate e lasciate per 5 minuti.

Mettete il riso basmati in un colino dentro ad una ciotola, versate l’acqua fredda fino a coprirlo, muovete bene con le mani per fa emergere l’amido. Scolate e ripetete l’operazione finché l’acqua non resti limpida. (Mi raccomando, non buttate l’acqua, ma conservatela per lavare i piatti). Lasciate in ammollo per circa mezz’ora.
 Scolate le verze (coprite la pentola con un coperchio per mantenere l’acqua calda per lavare i piatti) e lasciatele asciugare su un canovaccio. 
Mettete il riso in un pentolino e ricoprite con acqua (l’acqua deve superare il riso di 1 dito), accendete la fiamma e chiudete con un coperchio, lasciando una piccola apertura. Salate l’acqua e lasciate cuocere per 12 minuti.
Togliete la parte centrale più dura delle verze e disponetele affiancate su un foglio di carta stagnola. 
Scolate il riso e mescolatelo leggermente con finocchietto e menta tritati ed una spolverata di zenzero.
disponete il riso sulle foglie lasciando circa un cm da tutti i bordi. Adagiate sopra la fetta di salmone, eventualmente spezzettata. Aiutandovi con la carta stagnola iniziate ad arrotolare premendo bene per far aderire gli ingredienti. Lasciate il rotolo avvolto nella carta stagnola per 5 minuti.
Togliete la carta e tagliate a fettine.
Considerazioni
Io non amo mangiare freddo, per cui l’ho mangiato tiepido, accompagnato con pomodorini conditi con olio, sale e origano e mi è piaciuto. La prossima volta vorrei provare ad aggiungere un goccio di aceto balsamico al riso. Se lo provate, fatemi sapere le vostre considerazioni. 🙂

Bocconcini di pollo al finocchietto

Oggi sono stata nella mia vigna ed ho raccolto un bel po’ di finocchietto, che ho pensato di utilizzare subito per un nuovo esperimento che, devo dire, è riuscito molto bene. Provatelo!

Bocconcini di pollo al finocchietto

Bocconcini di pollo (7/8 pezzi)
Farina qb
Sale e pepe
Finocchietto in abbondanza
Basilico (5/6 foglie)
1/4 di bicchiere di latte
1 cucchiaio di olio EVO

Infarinate i bocconcini di pollo. Lavate il finocchietto e tritatelo insieme a qualche foglia di basilico. Mettete il latte in una ciotola ed unite il finocchietto, il basilico, il sale ed il pepe; mescolate bene.
Scaldate una pentola antiaderente ed unite un cucchiaio d’olio; quando è caldo mettete il pollo e cuocete un minuto per parte a fiamma viva. Poi abbassate la fiamma e versate il latte con gli aromi. Fate cuocere a fuoco basso girando di tanto in tanto. 
Eventualmente potete aumentare il latte per ottenere più crema ed aggiungere del riso pilaf.

Polpettine di avanzi in salsa di pomodoro

Quando vado a fare la spesa ed arrivo al banco della frutta e verdura, non so resistere, compro un sacco di cose che poi, essendo spesso da sola, rischiano di andare a male. E così ieri, ho “fatto fuori” un po’ di cose, preparando delle polpette. Avevo a disposizione del pollo grigliato avanzato, dei funghi, 1 zucchino un po’ “andato”, della passata di pomodoro aperta e 1 uovo fresco di gallina.
Polpette
1 zucchino
100 gr. di funghi
1 pezzetto di porro
Abbondante pangrattato
3 cucchiai di parmigiano
Sale
Pezzetti di pollo
Prezzemolo, salvia e rosmarino
Salsa
1 pezzetto di porro
Passata di pomodoro
Sale
Funghi
Vino bianco
Fate sbollentare lo zucchino per 10 minuti in acqua calda. Lavate e pulite i funghi. Tenetene da parte un po’ per la salsa e tritate gli altri con un mixer, insieme agli aromi, al sale e al porro. Aggiungete lo zucchino bollito e versate il composto in una ciotola.
Nel frattempo tagliate i restanti funghi a fettine, fate rosolare il porro in una padella con un filo d’olio. Versate i funghi e sfumate con del vino bianco; lasciate evaporare un po’ ed aggiungete la passata di pomodoro. Salate e pepate.
Aggiungete al composto 1 uovo, il parmigiano ed abbondante pangrattato, fino ad ottenere un impasto sodo, pronto per essere lavorato. Formate delle palline e passatele ancora nel pangrattato. 
Allungate la salsa con 1/2 bicchiere d’acqua e versate le polpette. Chiudete con un coperchio e fate cuocere per circa 20 minuti. Girate di tanto in tanto le polpette ed aggiungete altra acqua, qualora la salsa si addensasse troppo.

Involtini di trota salmonata con salsa ai piselli

Questa ricetta è buonissima! In realtà avrei voluto fare una salsa alla menta ma non sono riuscita a ritrovare la menta nel mio orto! Quindi, per evitare di fare una salsa con delle foglie di qualche pianta strana, ho optato per salvia e piselli:
1 filetto di trota salmonata
Aceto balsamico
Succo e buccia di 1 limone
Succo e buccia di 1 Arancio
Sale e pepe verde
Mandorle tritate
1/4 di bicchiere di vino bianco secco

Per il ripieno
1/2 spicchio d’aglio
Prezzemolo, timo, rosmarino
7/8 pomodorini pachino
1 fetta di pancarrè
Pangrattato
Per la salsa
1 pezzetto di porro
25 gr. di piselli
Salvia (una decina di foglie)
Sale e pepe
Brodo qb
Pulite il filetto di trota, prestando attenzione alle eventuali spine rimaste. Grattugiate la buccia di 1 limone ed 1 arancia e spremetene il succo. Con un bicchiere battere leggermente per assottigliare il pesce, tagliare in 2/3 pezzi, in base alla grandezza, e lasciar marinare per 15/20 minuti con il succo del limone, dell’arancia e 2 cucchiai di aceto balsamico. Aggiungete del pepe verde.
Lavate il timo, il rosmarino, la salvia ed il prezzemolo. Tritate il rosmarino, il prezzemolo, il timo e 1/2 spicchio d’aglio. Tagliate i pomodorini a pezzettini piccoli ed uniteli al trito. Imbevete 1 fetta di pancarrè nell’acqua (o nel latte), strizzatela bene ed aggiungetela al composto. Mescolate tutto ed aggiustate di sale e pepe, eventualmente unite del pangrattato.
Togliete la trota dal liquido e strizzatela leggermente. Mettete un po’ di composto all’interno e chiudete con uno spago da cucina. Tritate qualche mandorla ed unitela alla buccia degli agrumi grattugiata; aggiungete 2 cucchiai di pangrattato. Passate gli involtini nel mix di pangrattato e mandorle e adagiateli in una pirofila da forno,. Versate 1/4 di bicchiere di vino bianco secco e fate cuocere a 180° per 20 minuti, girando a metà cottura.
Tagliate del porro e mettetelo in un padella antiaderente con un cucchiaio di olio. Versate i piselli e fate cuocere 5 minuti, aggiustando di sale e pepe.
Versate i piselli nel mixer, insieme alla salvia ed iniziate a frullare. Aggiungete poco brodo, fino ad ottenere una salsa abbastanza liquida. Mantenete al caldo.
Versate la salsa in un piatto da portata e disponetevi sopra gli involtini.