Bocconcini di pollo al finocchietto

Oggi sono stata nella mia vigna ed ho raccolto un bel po’ di finocchietto, che ho pensato di utilizzare subito per un nuovo esperimento che, devo dire, è riuscito molto bene. Provatelo!

Bocconcini di pollo al finocchietto

Bocconcini di pollo (7/8 pezzi)
Farina qb
Sale e pepe
Finocchietto in abbondanza
Basilico (5/6 foglie)
1/4 di bicchiere di latte
1 cucchiaio di olio EVO

Infarinate i bocconcini di pollo. Lavate il finocchietto e tritatelo insieme a qualche foglia di basilico. Mettete il latte in una ciotola ed unite il finocchietto, il basilico, il sale ed il pepe; mescolate bene.
Scaldate una pentola antiaderente ed unite un cucchiaio d’olio; quando è caldo mettete il pollo e cuocete un minuto per parte a fiamma viva. Poi abbassate la fiamma e versate il latte con gli aromi. Fate cuocere a fuoco basso girando di tanto in tanto. 
Eventualmente potete aumentare il latte per ottenere più crema ed aggiungere del riso pilaf.

Polpettine di avanzi in salsa di pomodoro

Quando vado a fare la spesa ed arrivo al banco della frutta e verdura, non so resistere, compro un sacco di cose che poi, essendo spesso da sola, rischiano di andare a male. E così ieri, ho “fatto fuori” un po’ di cose, preparando delle polpette. Avevo a disposizione del pollo grigliato avanzato, dei funghi, 1 zucchino un po’ “andato”, della passata di pomodoro aperta e 1 uovo fresco di gallina.
Polpette
1 zucchino
100 gr. di funghi
1 pezzetto di porro
Abbondante pangrattato
3 cucchiai di parmigiano
Sale
Pezzetti di pollo
Prezzemolo, salvia e rosmarino
Salsa
1 pezzetto di porro
Passata di pomodoro
Sale
Funghi
Vino bianco
Fate sbollentare lo zucchino per 10 minuti in acqua calda. Lavate e pulite i funghi. Tenetene da parte un po’ per la salsa e tritate gli altri con un mixer, insieme agli aromi, al sale e al porro. Aggiungete lo zucchino bollito e versate il composto in una ciotola.
Nel frattempo tagliate i restanti funghi a fettine, fate rosolare il porro in una padella con un filo d’olio. Versate i funghi e sfumate con del vino bianco; lasciate evaporare un po’ ed aggiungete la passata di pomodoro. Salate e pepate.
Aggiungete al composto 1 uovo, il parmigiano ed abbondante pangrattato, fino ad ottenere un impasto sodo, pronto per essere lavorato. Formate delle palline e passatele ancora nel pangrattato. 
Allungate la salsa con 1/2 bicchiere d’acqua e versate le polpette. Chiudete con un coperchio e fate cuocere per circa 20 minuti. Girate di tanto in tanto le polpette ed aggiungete altra acqua, qualora la salsa si addensasse troppo.

Tortino di ricotta e spinaci tiepido con pomodorini

Oggi avevo voglia di sperimentare ma, ahimè, sottovaluto sempre il tempo necessario per cimentarsi nelle invenzioni culinarie…

Tortino di ricotta e spinaci tiepido con pomodorini 

100 gr di ricotta vaccina
Spinaci surgelati (2 cubetti)
5/6 pomodorini pachino
3 noci tritate grossolanamente
2 cucchiai di pangrattato
Sale
Pepe
Origano, menta, paprika
2 fette di pancarrè

Olio EVO

Mettete gli spinaci in una padella antiaderente senza olio e coprite con un coperchio, controllandoli di tanto in tanto. Essendo surgelati rilasciano l’acqua, che serve inizialmente per la cottura e che dovrà essere poi lasciata evaporare togliendo il coperchio. Aggiungete un po’ di sale.
Nel frattempo lavorate la ricotta in una ciotola, aggiungendo il pepe e le spezie. Io ho aggiunto della menta e dell’origano per dare freschezza, come se fosse un piatto estivo, e del pepe per dare un po’ di carattere (presto sperimenterò altre spezie che poi troverete dappertutto).
Tritate le noci e tagliate a metà i pomodorini, che faranno da contorno. 
Tagliate le fette di pancarrè in 4 triangoli per fetta, in un ciotolino mettere dell’olio extravergine, della paprika e dell’origano e cospargeteci la superficie delle fette. Mettete in forno con il grill per 5 minuti.
Togliete gli spinaci dalla padella e metteteli nella ciotola con la ricotta. A me non piacciono le verdure cotte fredde, per cui unisco gli spinaci a caldo, così intiepidiscono la ricotta; se preferite potete lasciarli raffreddare. Unite del pangrattato al composto, assaggiate ed eventualmente aggiustate di sale e pepe.
Mettete il tutto in un coppapasta e cospargete la superficie di noci. Aggiungete un filo d’olio sui pomodorini e servite.

Frittata light con broccoli

1 uovo
1 broccolo piccolo
Latte
Sale
Pepe
Prezzemolo
1 cucchiaio di parmigiano
Cipolla
1 cucchiaio di olio EVO

Lavate il broccolo sotto l’acqua corrente, togliete le foglie, separate le cime e tagliate la parte esterna del gambo. Fate sbollentare in acqua salata con della buccia di limone per 10 minuti. Scolate e tagliuzzate i broccoli a pezzettini. In una padella antiaderente mettete un cucchiaio di olio EVO e fate soffriggere un pezzo di cipolla tritata precedentemente. (Se non volete utilizzare l’olio, non mettete la cipolla e fate solo scaldare la padella).
In una scodella sbattete l’uovo con la forchetta ed aggiungete il sale, il pepe, il prezzemolo, un pò di parmigiano ed il latte. Versate nella padella. Unite i broccoli e lasciate rapprendere. Se volete potete aggiungere del curry.

Mini sformati broccoli, patate e crescenza

1 broccolo piccolo
1 patata media
1 pezzetto di crescenza
Sale
Pepe
1 uovo
Parmigiano grattugiato qb
Pangrattato qb
Noce moscata
Prezzemolo
Olio EVO
Buccia limone

Lavare il broccolo e tagliare le cime, togliere la parte più dura del gambo e tagliarlo a rondelle.
Sbucciare la patata e tagliare a pezzetti. Mettere sul fuoco una pentola dai bordi alti e versare i broccoli e le patate, unire alcune bucce di limone e salare. Lasciar cuocere per 15 minuti.
Togliere il limone e passare il tutto nel passaverdure. Sbattere un uovo in una ciotola, aggiungere il pepe, il prezzemolo, la noce moscata e il sale e versare sul composto. Mescolare bene e unire un cucchiaio di parmigiano, della crescenza tagliata e pezzettini ed il pangrattato.
Il composto deve risultare abbastanza denso, quindi aggiungete pangrattato fino al raggiungimento della consistenza. Eventualmente, se risultasse insipido, potete aggiungere ancora del sale o del parmigiano.
Imburrare delle cocotte e versare un pò di pangrattato, ruotandole per coprire bene il fondo e le pareti.
Versare il composto. Unire un cucchiaio di parmigiano e due di pangrattato e versare sopra il composto.
Mettere in forno a 180° per circa 30 minuti. Deve formarsi una crosticina sulla superficie.
Buon appetito!

La zuppa di cereali e legumi

Io non sono un’amante della carne, prediligo le carni bianche (pollo e tacchino) ma cucinate solo in alcuni modi. (ma prometto di sperimentare altre ricette a base di altri tipi di carne).

Oggi vi propongo un’ alternativa vegetariana, ottima per le diete disintossicanti perchè ricca di vitamine, proteine e fibre: la zuppa di cereali e legumi. E’ un vero toccasana, dopo le abbuffate o quando si inizia una dieta. Insomma, ogni tanto ci vuole!

Zuppa di cereali e legumi

Misto cereali e legumi secchi 50 gr per persona
Acqua
Sale
Cipolla, sedano, carota per soffritto
Olio EVO
Spezie varie

Versate il misto secco in un recipiente con abbondante acqua e lasciate in ammollo per 12 ore, in questo modo il contenuto potrà reidratarsi e raddoppiare il suo volume. Scolate il tutto, mantenendo l’acqua che verserete in una pentola a scaldare. Se preferite, potete aggiungere un pezzetto di dado all’acqua, per formare il brodo.
Preparare un trito di cipolla, sedano, carota, mettere una casseruola dai bordi alti sul fuoco, aggiungere un pò d’olio e quando sarà caldo versare il trito. Lasciare un paio di minuti, poi versare il misto legumi e fate tostare. Versate l’acqua (o il brodo) calda e coprite con un coperchio.
La zuppa deve cuocere 60/70 minuti. Tenete da parte altra acqua calda, in caso la zuppa si asciugasse troppo. Verso fine cottura aggiungere il sale (se avete unito il brodo, assaggiate prima di aggiungerlo) e le spezie che preferite: curry, paprika, timo, salvia, rosmarino, pepe…
Consiglio di togliere il coperchio negli ultimi minuti di cottura, in modo da far asciugare un pò il liquido, per ottenere una zuppa più cremosa. Impiattare aggiungendo un filo d’olio EVO ed eventualmente del parmigiano.

Pollo al limone e broccoletti saltati

Mangio spesso il pollo al limone, perchè è molto semplice, veloce ed è uno dei pochi modi in cui riesco a far rimanere la carne tenera. Il problema delle carni bianche, infatti, trovo sia proprio la secchezza, che le rende proprio poco appetibili.
I broccoletti li ho scoperti da poco, prima non li mangiavo mai per quell’odore terribile che emanano quando vengono bolliti. Però ho scoperto che, aggiungendo del succo e buccia del limone e altre piante aromatiche, come la salvia o l’alloro, si sente molto meno. Invece la consistenza in bocca è molto gradevole.. Ecco qui la mia ricetta:

Pollo al limone

1 fettina di pollo per persona
Farina qb
Succo di 1/2 limone
Prezzemolo
Sale
Pepe
Un pochino d’acqua
Olio EVO

Infarinate per bene le fettine di pollo (ma va bene anche il tacchino), mettete una padella antiaderente sul fuoco a scaldare ed aggiungete un filo d’olio (io uso le padelle antiaderenti proprio per utilizzare pochissimo olio), adagiate le fettine e cuocete a fiamma viva 1 minuto per parte. Abbassate la fiamma e versate il succo di limone, io di solito lo allungo con un pochino d’acqua perchè non sia troppo acido. Unite sale, pepe e prezzemolo e rigirate fino a che non sia formata una cremina densa.
Broccoletti saltati in padella
1 broccolo
Succo di limone
1 spicchio d’aglio piccolo
Sale
Pepe
Olio EVO
Staccate dai broccoli tutte le punte, tagliate la parte più dura del gambo, spelate il resto e tagliato a rondelle abbastanza sottili. Lavate accuratamente sotto l’acqua. Mettete una padella antiaderente sul fuoco ed aggiungete un filo d’olio, quando sarà caldo unite l’aglio e lasciatelo rosolare 1 minuto (non troppo se no si brucia). Versate i broccoletti, lasciateli saltare un paio di minuti e togliete l’aglio. Cospargete con il succo di limone ed un filo d’acqua, salate, pepate e coprite con un coperchio. Fate cuocere circa 15 minuti, aggiungendo un pochino d’acqua se si dovesse asciugare troppo. eventualmente potete aggiungere anche altre spezie, come il curry, il cumino o la menta.

Torta salata zucchine, crescenza e salmone

Ecco la ricetta, molto facile e veloce:

1 rotolo di pasta sfoglia già pronta
2 zucchine
50gr di salmone a fette
un pezzetto di crescenza
sedano tritato
menta tritata

Stendete la pasta sfoglia in una tortiera, mantenendo la carta da forno in cui è arrotolata
Tagliate le zucchine a rondelle sottili e mettetele sul fondo della torta
Tagliate a pezzetti il salmone e la crescenza ed unite alle zucchine
Ultimate con sedano e menta tritati per dare un pò di freschezza

Molto buona, ovviamente non ho mangiato l’intera torta! 🙂

Chi ben inizia…

Prima di tutto ci vuole un buon metodo.
Per tre mesi cercherò di essere disciplinata, ricordandomi l’obiettivo finale: ritrovare me stessa.
Niente costrizioni esasperate, solo consapevolezza di mangiare per fame, gustare e non divorare, godere del momento e non usare il cibo come consolazione per quello che non va.
Niente schifezzine e premi di consolazione.
Mangiare all’ora dei pasti e per il resto della giornata concentrarsi su altro.
Alla colazione non si rinuncia: te e cereali oppure caffè e brioche o fette biscottate con marmellata.
Pranzo e cena e frutta o yogurt lontano dai pasti – metà mattina e metà pomeriggio. Tutto qui.
Ovviamente predilezione per i cibi sani; per rendere tutto più piacevole sperimenterò qualche ricetta.
E poi attività fisica: palestra, camminate, bicicletta…la primavera si avvicina!
Come consolazione, ad ogni mese, mi farò un regalino….
Ok, si parte!