Swap Party!!

Come anticipato, voglio introdurre una nuova sezione, legata ad un altro mio interesse: l’ecologia.
Non ho ancora individuato il modo migliore per suddividere gli argomenti di questa sezione, per cui perdonatemi se modificherò le pagine più volte; in fondo è il mio primo blog e sto ancora cercando di capire come strutturarlo.
Dato che attualmente sto traslocando per ristrutturare casa, voglio iniziare questa sezione lasciandovi alcuni link di riferimento ed idee per il riutilizzo dei vostri oggetti d’arredo e non solo.
Se vi siete accorti all’improvviso di avere 3 spremiagrumi, 2 maglie identiche, quella borsa che è troppo piccola per voi, quel regalo di Natale orribile, quel servizio di cui avete rotto un elemento…bene, quello è il momento per organizzare uno Swap Party!
Volevo fare questa cosa da tempo, ma la mia casa è troppo piccola per ospitare amiche con il relativo “bagaglio”, ma alla fine mi sono convinta…e Swap Party sia!
Lo Swap Party non è altro che un appuntamento con le proprie amiche in cui ci si scambia degli oggetti; solitamente si tratta di vestiti, scarpe e accessori, ma possono anche essere oggetti di qualsiasi genere. 
Può essere organizzato con modalità diverse, in base alla creatività di chi organizza: si possono creare inviti cartacei per dare più ufficialità all’evento oppure utilizzare i social network; l’ospite può decidere di dare un tema alla serata ed allestire la casa di conseguenza, può preparare un rinfresco oppure farsi aiutare dalle amiche stesse, in modo che ognuno porti qualcosa. 
L’importante è che gli oggetti siano ben visibili e per farlo dovrete probabilmente dare un nuovo “ruolo” ai vostri mobili (come ho fatto io).
In base al numero dei partecipanti (e a quanto sono agguerriti) si possono fissare delle regole: si può dare agli articoli un valore da 1 a 3 e decidere che gli scambi possano avvenire solo tra oggetti della stessa categoria; definire subito l’ordine di scelta con un’estrazione, oppure lasciare a tutte le partecipanti il tempo di osservare la merce esposta e vedere cosa interessa. Scaduto il termine ogni persona può prendere ciò che le piace e provarlo, avendo a disposizione del tempo per decidere se tenerlo per sé o rilasciarlo.Se più persone fossero interessate ad uno stesso oggetto si può effettuare un’estrazione per decidere l’ordine di scelta.
Per lo scambio di indumenti sicuramente una regola fondamentale è che i capi debbano essere puliti
Al termine dello Swap raccogliete tutto quello che non è stato assegnato e donatelo a qualche ente assitenziale o portatelo negli appositi contenitori per la raccolta di abiti usati.

Lo Swap Party è un’occasione per stare insieme e ridere tantissimo (soprattutto di certi abiti che avevano ben ragione di non esser mai stati messi!!), per cui organizzatene tanti..la primavera è ormani arrivata ed il cambio di stagione è un ottimo momento per rivedere cosa giace in fondo al nostro armadio..

Buono Swap a tutte!

E se volete dare un’occhiata online al mondo dello Swap, questi sono alcuni siti di riferimento:

Zero Relativo
Nasce da un’associazione volta a promuovere stili di vita sostenibili ed un consumo intelligente, dove gli oggetti non vengono presto buttati ma iniziano la loro seconda, terza e (perchè no) quarta vita.
Oltre a scambiare oggetti, ogni utente può stilare una lista dei desideri che può essere vista dagli altri “barter”, facilitando così lo scambio, oppure il dono. Per gli scambi, il sito mette a disposizione un corriere convenzionato, con tariffe economiche, per tenere traccia della spedizione.
Una community giovane, un’interfaccia simpatica ed un obiettivo etico. Ovviamente il mio sito preferito.

Swap Club
Uno spazio libero in cui inserire i propri articoli da scambiare con gli altri utenti; è possibile personalizzare il proprio profilo e ricevere dei feedback dalle persone con cui è stato effettuato uno scambio. Queste “referenze” sono ovviamente molto importanti perchè determinano l’affidabilità dell’utente, in vista di scambi successivi.

Luxury Swapping
Tratta sia la vendita che il baratto di oggetti di lusso (ma anche arredamento di design e case vacanza!), utilizza il metodo delle stelline, gli oggetti vengono classificati dall’agenzia in 5 categorie in base ad alcuni parametri (originalità, qualità, valore, usura, ecc).
Trattandosi di beni di lusso il cliente si reca direttamente in agenzia per scambiare i propri articoli con altri della stessa categoria. Qualora non trovasse niente di suo gradimento, può lasciare in deposito il bene ed effettuare il baratto in un secondo momento.

Atelier del Riciclo
Un atelier a Milano che si occupa di riciclo creativo e di Upcycling, il processo che consiste nell’utilizzare scarti, oggetti apparentemente privi di utilità, assemblarli e trasformarli in nuovi oggetti, forse di valore, ma sicuramente unici. In particolare, l’atelier espone delle vere opere d’arte di eco-stilisti ed eco-designer che mostrano come ripensare un oggetto o uno spazio. Inoltre, l’associazione, oltre ad organizzare swap parties, tiene anche corsi di formazione e workshop per le aziende.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s